Il pigmento ritrovato: il blu egizio di Raffaello a Villa Farnesina

Il pigmento ritrovato: il blu egizio di Raffaello a Villa Farnesina

News23/11/2023

Il blu egizio negli affreschi di Raffaello a Villa Farnesina: è stato questo elemento straordinario che ci ha portato da New York, dove si è svolto il convegno internazionale “Il Restauro Oggi. Le Scienze e le Arti” promosso dall’Istituto Italiano di Cultura di New York e dall’Accademia dei Lincei a Villa Farnesina, a Roma ospiti di Virginia Lapenta, conservatrice di un patrimonio unico e straordinario.

La storia, affascinante e al contempo misteriosa, mette al centro un progetto di ricerca scientifica di altissimo livello che vede come protagonista il blu egizio, un pigmento utilizzato dall’artista urbinate per il cielo, il mare e gli occhi di Galatea nel famoso affresco nella Loggia omonima di Villa Farnesina a Roma.

Il risultato sorprendente delle indagini è stato frutto di un lavoro di squadra coordinato dal professor Sgamellotti e composto da Claudio Seccaroni (ENEA), Chiara Anselmi (IRET-CNR), Michela Azzarelli, Manuela Vagnini (Laboratorio di Diagnostica per i Beni Culturali di Spoleto), Roberto Alberti, Tommaso Frizzi (XGLab-Bruker).

Insieme alla Conservatrice Virginia Lapenta e al Presidente di Valore Italia Angelo Crespi abbiamo visitato le sale e i capolavori in essa custoditi, facendo delle riflessioni sulla storia e sulle possibili attività di valorizzazione e conservazione che potrebbero svilupparsi in progetti specifici in cui coinvolgere gli studenti e i docenti della Scuola di Restauro di Botticino.